Problemi riscontrati nei controlli del Green Pass

postato in: # APPROFONDIMENTO | 0

FAQ OPERATIVE: In questo approfondimento vogliamo trattare l’argomento Green Pass – Problemi riscontrati nei controlli

Per farlo partiamo però dagli aspetti normativi vigenti all’atto della scrittura del presente approfondimento. 

 

L’OBBLIGO 

Come è ormai noto, dal 15 ottobre, per tutte le attività lavorative scatterà l’obbligo di verifica del possesso del certificato verde.

Tale obbligo riguarda sia le attività in ambito privato, sia quelle in ambito pubblico. 

 

Il DECRETO LEGGE 127/2021

L’obbligo del controllo del possesso green pass è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il DECRETO-LEGGE 21 settembre 2021, n. 127.

In particolare le disposizioni si applicheranno a partire dal giorno 15 ottobre 2021 a tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi  titolo,  la  propria  attività lavorativa o di formazione o di volontariato nei  luoghi  di  lavoro, anche sulla base di contratti esterni.

I datori di lavoro devono verificare il rispetto delle  prescrizioni sia per i propri lavoratori che per quelli che svolgono, a qualsiasi  titolo, la propria  attività lavorativa o di formazione o di volontariato nei  luoghi di  lavoro, anche sulla base di contratti esterni.

Inoltre i datori di lavoro dovranno:

  1. definire, entro il 15 ottobre 2021,  le  modalita’  operative  per  l’organizzazione  delle verifiche, anche a campione, prevedendo prioritariamente, ove possibile, che tali controlli siano effettuati al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro,
  2. individuare con  atto formale i  soggetti  incaricati  dell’accertamento  delle  violazioni degli obblighi.

Per le attività all’interno delle strutture sanitarie ed equiparate l’obbligo scatta dal giorno 10 ottobre.

Per gli edifici edifici scolastici tale obbligo è già vigente.

La nuova norma si applica anche a tutte le attività svolte a qualsiasi titolo nei cantieri e per i lavori di manutenzione ordinaria.

A solo titolo di esempio si segnala l’obbligo anche le seguenti attività: controllo estintori, reintegro bevande distributori automatici, ecc..

Inoltre i  Datori di lavoro che hanno specifiche esigenze organizzative volte a garantire l’efficace programmazione del lavoro possono richiedere preventivamente ai lavoratori il possesso della certificazione verde COVID-19 (green pass).

Di questo ne parliamo in uno specifico approfondimento visionabile facendo click qui

 

L’APPLICAZIONE VerificaC19

Dal 15 ottobre la verifica si potrà fare esclusivamente tramite l’applicazione VerificaC19 che è scaricabile su varie tipologie di terminale.

L’applicazione consente di verificare l’autenticità e la validità delle Certificazioni senza la necessità di avere una connessione internet e senza memorizzare informazioni personali sul dispositivo del verificatore.
L’applicazione VerificaC19 è conforme alla versione europea, ma ne diminuisce il numero di dati visualizzabili dall’operatore per minimizzare le informazioni trattate.

VerificaC19 permette anche il controllo dell’EU Digital Covid Certificate emesso da altri paesi europei.

L’App VerificaC19 è gratuita e può essere scaricata da Appstore, Playstore, Huaweistore.

 

Green Pass – Problemi riscontrati nei controlli

Nell’ambito della ristorazione, degli eventi pubblico spettacolo ed in altri ambiti, già da tempo vige l’obbligo di controllo dei Green pass. 

Di seguito andiamo a riportare una serie di problemi riscontrati durante l’effettuazione di controlli certificazione verde Covid-19.

I controlli sono stati da noi effettuati come delegati dell’organizzazione di eventi pubblico spettacolo.

Indicativamente l’esperienza si riferisce a oltre 7. 000 controlli effettuati. 

 

FAQ OPERATIVE

Green pass – problemi riscontrati

Problemi legati al documento in formato digitale
  • Problema legato al cellulare utilizzato per il controllo, o scarsa qualità della telecamera/obiettivo cellulare
    • Rispetto ai QR Code tradizionali quello dei Green pass contiene molte più informazioni e di conseguenza i quadratini da leggere hanno dimensioni molto più ridotte.
      • Nel caso si utilizzi un cellulare un po’ datato o con una telecamera/obiettivo poco sensibile risulta difficile, se non impossibile la lettura del qrcode. 
      • Per ovviare al problema si può chiedere all’utente di aumentare la luminosità del proprio schermo ed aumentare la dimensione del qrcode
  • Problema legato al cellulare dell’utente – scarsa luminosità 
    • Molte volte il display nel cellulare è impostato su bassa luminosità E pertanto il codice risulta di difficile lettura
      • Nella situazione di bassa luminosità sarà necessario chiedere all’utente l’aumento della medesima
  • Problema legato al cellulare dell’utente – schermo danneggiato
    • Uno schermo danneggiato a volte non permette una perfetta lettura del Green pass
      • In questa situazione si può provare a far zoomare in maniera differente il codice, o farlo spostare in altra posizione sullo schermo (se possibile) al fine di bypassare le parti di schermo danneggiate
  • Problema legato al cellulare dell’utente – dimensioni ridotte del QR Code
    • Una dimensione ridotta a volte non permette una perfetta lettura del Green pass
      • In questa situazione si può provare a far zoomare in maniera differente il codice in modo da avere dimensioni maggiori
  • Problema legato al cellulare dell’utente – scarsa qualità dell’immagine
    • A volte il QR Code mostrato dall’utente è frutto di scansione/fotografie dell’originale e di conseguenza la qualità dell’immagine potrebbe risultare scarsa oppure ombreggiata, oppure incompleta
      • In questa situazione non vi è una soluzione applicabile e l’utente dovrà
        • mostrare il documento cartaceo o una scansione/fotografia di qualità maggiore,
        • oppure scaricare il certificato originale tramite le applicazioni indicate dal Ministero della Salute (vedasi info al paragrafo: come si acquisisce la certificazione) 
  • Problema legato al “terminale” dell’utente – Smart Watch
    • Queste informazioni verranno aggiunte nei prossimi giorni
Problemi legati al documento cartaceo
  • Certificazione verde covid-19 cartacea – scarsa qualità di stampa
    • La stampa a bassa qualità effettuata su alcune tipologie di stampante non permette una corretta lettura del Green pass 
  • Certificazione verde covid-19 cartacea – supporto cartaceo “danneggiato”
    • Molte volte il QR Code risulta non leggibile in quanto
      • il foglio su cui è stato stampato risulta essere stato piegato proprio nella zona del qrecode e pertanto i quadratini risultano illeggibili
      • Il foglio è sbiadito, sporco, incompleto nella parte di qrcode
  • Certificazione verde covid-19 cartacea – ridotte dimensioni di stampa
    • A volte per comodità il documento è stato stampato con dimensioni molto e pertanto il lettore QR Code non riesce a leggerlo
  • Applicazione per covid-19 cartacea – plastificazione
      • Al fine di una migliore protezione del codice, il foglio su cui viene stampato il Green viene plastificato dall’utente
      • In determinate condizioni di luce e riflessi il codice risulta illeggibile

 

Problemi legati alle modalità di verifica 
  • Certificazione verde covid-19 – Condizioni di luminosità dell’ambiente dove si effettua la lettura
    • Queste informazioni verranno aggiunte nei prossimi giorni
  • Certificazione verde covid-19 – Inclinazione dei sistemi di lettura
    • Queste informazioni verranno aggiunte nei prossimi giorni 

 

Naturalmente vi sono altri problemi riscontrati nei controlli, ma ci riserviamo di approfondire ulteriormente l’argomento suddividendolo per argomenti (es. controlli nei cantieri).

 

 

AGGIORNAMENTO DI QUESTA PAGINA

Torna a trovarci, nei prossimi giorni provvederemo ad aggiornare questa pagina con ulteriori informazioni.

 

 

 

DOVE SCARICARE L’APPLICAZIONE VerificaC19

(FAQ tratta dal sito del Governo]

AppStore

Scarica da AppStore

iPhone con iOS versione 12.1 o superiore. Aggiorna iOS all’ultima versione disponibile prima di effettuare il download di VerificaC19. I modelli di iPhone che supportano iOS 12.1 o superiori sono i seguenti: 12, 12 Pro Max, 12 Pro, 12 Mini, 11, 11 Pro, 11 Pro Max, Xr, Xs, Xs Max, X, SE (2nd generation), 8, 8 Plus, 7, 7 Plus, 6s, 6s Plus, SE (1st generation), 6, 6 Plus, 5S.

 

Android versione 8 (Oreo, API 26) o superiore. Aggiorna Android all’ultima versione disponibile prima di effettuare il download di VerificaC19.

 

Android versione 8 (Oreo, API 26) o superiore. Aggiorna Android all’ultima versione disponibile prima di effettuare il download di VerificaC1.

 

 

COME SI ACQUISISCE LA CERTIFICAZIONE

(FAQ tratta dal sito del Governo]

Per andare incontro alle esigenze di tutta la popolazione, a prescindere dal livello di digitalizzazione, è possibile acquisire la Certificazione in diversi modi.Si può infatti scegliere tra canali digitali e canali fisici. La disponibilità della Certificazione viene comunicata tramite email o SMS (ai contatti indicati in fase di prestazione sanitaria: vaccinazione, test o guarigione) con un codice per scaricarla.

Canali digitali

Via APP

      • Immuni: è dotata di una nuova funzione che consente di scaricare la Certificazione inserendo il numero e la data di scadenza della propria Tessera sanitaria e il codice (AUTHCODE) ricevuto via email o SMS ai contatti comunicati in fase di prestazione sanitaria.
      • App IO: attraverso una notifica sul proprio dispositivo mobile, gli utenti dell’app IO (che già la usano o intendono scaricarla) che abbiano effettuato l’accesso con la propria identità digitale (SPID/CIE), potranno visualizzare la propria Certificazione direttamente dal messaggio.

Siti web

      • Sito dedicato, è possibile utilizzare l’identità digitale (SPID/CIE) per acquisire la propria Certificazione. In alternativa è possibile inserire il numero e la data di scadenza della propria Tessera sanitaria (o in alternativa il documento d’identità per coloro che non sono iscritti al SSN) e il codice (AUTHCODE) ricevuto via email o SMS ai contatti comunicati in fase di prestazione sanitaria.
      • Fascicolo sanitario elettronico, accedendo al proprio Fascicolo sanitario regionale, è possibile acquisire la propria Certificazione.
Canali fisici

In caso di difficoltà ad accedere alla Certificazione con strumenti digitali, è possibile rivolgersi al proprio medico di medicina generale, al pediatra di libera scelta, o al farmacista, che potranno recuperare la Certificazione grazie al Sistema Tessera Sanitaria. Porta con te il codice fiscale e i dati della Tessera Sanitaria che dovrai mostrare loro. La Certificazione verde COVID-19 sarà consegnata in formato cartaceo o digitale.

 

 

 

In questa pagina abbiamo provato ad affrontare i temi legati ai “problemi riscontrati nei controlli” con alcune FAQ OPERATIVE.

Speriamo di essere stati di aiuto.